• Marco Fulgoni

Testaroli della Luna


In primavera non può mancare la Silene nelle nostre proposte di cucina, una pianta eccezionale dal sapore delizioso. Abbiamo realizzato un pesto per accompagnare dei testaroli artigianali dei nostri cugini lunigiani. Ecco la ricetta, facile e buonissima:

Ingredienti (3 o 4 persone):

  • 1 Testarolo (Az. Agr. Testarolando - Pontremoli, MS)

  • 1 sacchetto di Silene (La Spinosa)

  • 1 manciata di Parmigiano Reggiano (Az. Agr. Il Casello - Antreola, PR)

  • 1 manciata di pecorino di grotta

  • 1 manciata di frutta a guscio pulita (per questa ricetta abbiamo utilizzato i pistacchi di Bronte ma, in alternativa o in aggiunta, si possono usare anche pinoli, mandorle, anacardi, nocciole o noci)

  • 1 spicchio d'aglio (Az. Agr. Silos Verde - Collecchio, PR)

  • olio EVO qb

  • sale qb

Procedimento:

  • Portare a bollore l'acqua in una pentola capiente

  • Nel frattempo si procede con la preparazione del pesto cominciando dal lavaggio, asciugatura e mondatura della Silene

  • In una padella soffriggere uno spicchio d'aglio quindi saltare la Silene con un pizzico di sale

  • Appena la Silene comincia ad appassire spegnere il fuoco (basta pochissimo)

  • In un tritaverdure o in un mortaio realizzare il pesto amalgamando l'olio, i formaggi, i pistacchi e la Silene

  • Tagliare a rombi il testarolo e salare l'acqua di cottura

  • Quando l'acqua bolle spegnere il fuoco e scottarvi i testaroli per 30 secondi quindi scolarli riponendoli in una pirofila (meglio se preriscaldata con un po' d'acqua di cottura)

  • Condire col pesto quindi servire

Vino di accompagnamento: rosè - Az. Agr. Loschi Enrico

Musica di accompagnamento: Shringar - K. Sridhar & K. Shivakumar - realword

Ricetta di Marco Fulgoni

contenuti rilasciati sotto licenza:

#ricettespinose

54 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Versi d'estate

E se mi svegliassi ora, adesso, in questo sbocciare d'issopo e fossi petalo, ala, antenna, essenza, cosa ne sarebbe di me? Non sarei forse la stessa di ieri, di quando a occhi chiusi sognavo di guarda

Versi d'autunno 2019

Per la pioggia e il sole, le foglie di ieri. Per camminare a piedi nudi, quelle di oggi. Mentre il vento inventa le tue prossime ali. #versimensilipoesia

2014 az. agricola Coruzzi Giulia - p.IVA 02691640342  - powered by Giu&Ghi  -  Privacy Policy

  • Facebook App Icon

I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza