• Marco Fulgoni

Versi d'estate 2018


Brucia la terra

solcata da rughe profonde

di un viso che scruta il ponente.

Polverosa l'acqua

dai pozzi rapita al tramonto

e rimpianta tutto il resto del giorno.

Umida l'aria

sospinta da una danza di pappi

immota talvolta

ma sempre cinta d'ali.

Ci bagna il sole

e permane indolente

a vegliare le schiene ricurve

testimone d'un ciclo senza fine.

#versimensilipoesia

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Versi d'autunno 2020

Guardo lontano attraverso la nebbia che esala la terra. Cerco nelle mie tasche il prossimo atto, una manciata di semi per l'anno a venire. Non fremono. Non temono. Dormono. #versimensilipoesia

Versi d'estate 2020

E se mi svegliassi ora, adesso, in questo sbocciare d'issopo e fossi petalo, ala, antenna, essenza, cosa ne sarebbe di me? Non sarei forse la stessa di ieri, di quando a occhi chiusi sognavo di guarda

2014 az. agricola Coruzzi Giulia - p.IVA 02691640342  - powered by Giu&Ghi  -  Privacy Policy

  • Facebook App Icon

I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza