• Marco Fulgoni

Versi d'estate 2018


Brucia la terra

solcata da rughe profonde

di un viso che scruta il ponente.

Polverosa l'acqua

dai pozzi rapita al tramonto

e rimpianta tutto il resto del giorno.

Umida l'aria

sospinta da una danza di pappi

immota talvolta

ma sempre cinta d'ali.

Ci bagna il sole

e permane indolente

a vegliare le schiene ricurve

testimone d'un ciclo senza fine.

#versimensilipoesia

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Profumo di sonno nel bauletto dei semi. Tesoro in un forziere da restituire alla terra. Temporanea collezione di vitalità sopita. Ospite ricambiato e a sua volta ospitato. #versimensilipoesia

E se mi svegliassi ora, adesso, in questo sbocciare d'issopo e fossi petalo, ala, antenna, essenza, cosa ne sarebbe di me? Non sarei forse la stessa di ieri, di quando a occhi chiusi sognavo di guarda

Rifugio nell'immobilità quieto nell'oscurità risiedo nell'interno giaccio nella pace. ​ Qui ed ora. #versimensilipoesia