Lepidium sativum

Il crescione appartiene alla famiglia delle Crocifere, è caratterizzato da una crescita molto rapida tanto da essere usato come pianta-sentinella per il controllo del livello di fertlità di un terreno. E' una pianta annuale, alta in genere 30/40 cm, con piccole fiori bianchi e foglie di forma diversa a seconda delle varietà. Originaria dell’Asia Minore e dell’Africa settentrionale, questa pianta ha goduto in passato di molta considerazione poiché, essendo ricca di vitamina C, era utilizzata per combattere lo scorbuto e per completare l’alimentazione dei bambini. Il crescione è ricco di vitamine, soprattutto alte concentrazioni di vitamine C, B2, PP ed E, e sali minerali, tra cui ferro, fosforo, manganese, zinco, rame, iodio e calcio.

Proprietà:

Digestivo, disintossicante, diuretico, ipotensivo.

monarda.jpg

Uso interno:

Aiuta a disintossicarsi da fumo e smog, combatte debolezza e astenia.

Uso esterno:

Questa pianta può essere utile anche in ambito cosmetico grazie alla sua azione detergente per una pulizia profonda e accurata dell’epidermide soprattutto in caso di pelli impure.

Utilizzo in cucina:

Con il suo gusto piccante, simile al rafano e alla senape, rientra nella preparazione di insalate, di antipasti freddi, di tartine e di salse per piatti di pesce e di formaggi, ma è anche utilizzabile per farcire un semplice panino. Si consuma fresco, non si fa essiccare per non disperdere il sapore e le proprietà.