Escholtzia californica

Appartenente alla famiglia delle Papaveracee, ed è chiamata anche Papavero della California, perché di qui è originaria.
Venne introdotta in Europa verso la fine del '700.
L'escolzia veniva utilizzata dalle popolazioni native d'America che consumavano i germogli scottati su pietre roventi, per combattere il mal di testa.
Da circa un decennio è assurta al ruolo di pianta medicinale.

Proprietà:

Sedativa, tranquillante, antidolorifica, analgesica. Migliora la qualità del sonno e riduce i risvegli notturni senza dare assuefazione.
Riduce irritabilità e disturbi dell'umore.
E' usata in età pediatrica come coadiuvante in caso di agitazione, nell'enuresi notturna e in caso di pertosse come calmante.
Viene segnalato anche l'uso nel trattamento dell’emicrania, delle sindromi dolorose a carico dell'apparato digerente e delle vie biliari.
È di aiuto nella gastrite, nella colite spastica e negli spasmi viscerali (specie se d'origine psicosomatica)

monarda.jpg

Uso interno:

Uso esterno:

Utilizzo in cucina: